mar 192011
 

Un paio di settimane fa sono stata ad Abilmente, una fiera dedicata alla manualità creativa che si tiene a Vicenza due volte all’anno, Girando tra i vari stand ho trovato dei lavoretti molto interessanti (da cui prossimamente prenderò spunto) realizzati all’uncinetto a punto Tunisi.. mi sono tornati alla mente molti ricordi, mia nonna me l’aveva insegnato quand’ero piccola ma l’avevo accantonato in uno di quelli che vengono chiamati “cassettini della memoria” così ho deciso di rispolverarlo!

Questo tipo di lavorazione crea una trama fitta, non ci sono spazi tra le maglie quindi può essere perfetta per capi caldi in lana mentre se si preferisce usare del cotone ci si può sbizzarrire: borse, presine, cestini…

Si inizia facendo una catenella della lunghezza desiderata,

puntare l’uncinetto nella penultiuma catenella ed estrarre il filo

e continuare così fino alla fine della catenella iniziale tenendo tutti i punti sull’uncinetto

non girare il lavoro, il punto Tunisi si esegue sempre dallo stesso lato, chiudere il primo punto con una mezza maglia

e poi chiudere le maglie due alla volta fino a rimanere con un solo anello sull’uncinetto

puntare ora l’uncinetto se ogni paletto verticale del giro precedente e come prima tenere tutti i punti in sospeso

e il ritorno è uguale a prima.

Dopo un po’ di giri il rislutato sarà questo.

Per diminuire all’inizio del giro, con delle mezze maglie raggiungere l’archetto desiderato e da lì ripartire come al solito.

Per diminuire al termine del giro si tratterà semplicemente di non lavorare il numero di paletti corrispondenti alle diminuzioni desiderate.

mar 112011
 

AUMENTI ALL’INIZIO DEL GIRO

per aumentare un quadratino pieno, al termine del giro voltare il lavoro ed eseguire 5 catenelle, 1 punto alto nella 4° catenella dall’uncinetto, 1 punto alto nella catenella seguente e 1 sul 1° punto alto del giro precedente.

per aumentare 2 quadratini pieni, al termine del giro lavorare 8 catenelle e a cominciare dalla 4° dall’uncinetto, eseguire un punto alto in ciascuna delle catenelle seguenti e un punto alto sul 1° piunto alto del giro precedente.

per aumentare un quadratino vuoto, al termine del giro eseguire 7 catenelle e lavorare 1 punto alto sul 1° punto alto sottostante.

per aumentare 2 quadratini vuoti, lavorare 10 catenelle,  eseguire 1 punto alto nell’8° dall’uncinetto, 2 catenelle e 1 punto alto  sul 1° punto alto sottostante.

AUMENTI AL TERMINE DEL GIRO

per aumentare un quadratino pieno, lavorare un punto alto doppio nello stesso punto dove è stato eseguito l’ultimo punto alto, poi * 1 punto alto doppio puntando l’uncinetto nella prima chiusura del punto alto doppio precedente * , ripetere da * a * ancora una volta.

- per aumentare 2 quadratini pieni, dopo aver aumentato un quadratino (vedi sopra), ripetere da * a * altre 3 volte.

per aumentare un quadratino vuoto, lavorare 2 catenelle e 1 punto alto triplo nello stesso punto dove è stato eseguito l’ultimo punto alto.

per aumentare 2 quadratini vuoti, dopo aver aumentato un quadratino (vedi sopra), lavorare 2 catenelle e 1 punto alto triplo puntando l’uncinetto nella seconda chiusura del punto alto triplo precedente.

DIMINUZIONI

per diminuire all’inizio del giro, eseguire una mezza maglia su ciascuno dei punti sottostanti (punti alti o catenelle) fino ad aver ottenuto la diminuzione occorrente, lavorare 3 catenelle (saranno il 1° punto alto) e continuare nella lavorazione.

per diminuire al termine del giro, sarà sufficiente tralasciare di lavorare sui quadratini che s’intende diminuire.

mar 102011
 

La lavorazione all’uncinetto chiamata “filet” implica il seguire uno schema in cui i quadretti pieni (contrassegnati con una crocetta) formano il motivo mentre i quadretti vuoti sono la base del motivo stesso.

Si comincia a seguire lo schema del disegno dall’angolo in basso a destra e si alternano i quadretti pieni a quelli vuoti; alla fine della riga si gira il lavoro ma la riga successiva dello schema si segue partendo da sinistra. La terza riga dello shcema si leggerà da destra e così via alternando.

OGNI QUADRETTO  dello schema corrisponde a tre punti in larghezza e a un giro di punto alto in altezza: si parte quindi avviando una catenella lunga 3 volte  il numero dei quadretti che compongono lo schema (più 3 catenelle per voltare!!).

Il QUADRETTO VUOTO si lavora: 1 punto alto, 2 catenelle, saltare 2 catenelle di base, 1 punto alto sulla catenella successiva. nei giri seguenti i punti alti si lavorano sopra quelli sottostanti formando così il reticolato.

Il QUADRETTO PIENO si lavora con 3 punti alti, il primo incolonnato sul punto alto sottostante e gli altri 2  al posto delle catenelle.

IMPORTANTE: Per formare un quadretto, i punti sono sempre 3 e possono essere tutti e tre punti alti (quadretto pieno) oppure un punto alto più due catenelle (quadretto vuoto). Il quarto punto che chiude ogni quadretto fa già parte del seguente (sia esso pieno o vuoto).

Per riepilogare, 2 quadretti pieni consecutivi sono formati da 7 punti alti: 3 punti per un quadretto, 3 per il seguente più un punto del qadretto successivo. Tre quadretti pieni consecutivi saranno formati da 3+3+3+1 punti ossia 10 punti alti. Quattro quadretti: 3+3+3+3+1= 13 punti alti. E così via.

foto

COME INIZIARE IL GIRO

per ottenere un quadretto vuoto all’inizio del 1° giro: eseguire 1 punto alto nell’ottava catenella dall’uncinetto.

per ottenere un quadretto vuoto all’inizio dei giri seguenti: lavorare 5 catenelle (le prime 3 sostituiscono sempre il primo punto alto),   saltare le due catenelle sottostanti ed eseguire un punto alto sopra a quello sottostante.

- per ottenere un quadretto pieno all’inizio del 1° giro: eseguire 1 punto alto nelle 4° catenella dall’uncinetto e un punto alto nelle 2 catenelle seguenti ( le prime 3 catenelle sostituiscono sempre il 1° punto alto).

- per ottenere un quadretto pieno all’inizio dei giri seguenti: lavorare 3 catenelle, un punto alto su ciascuna delle 2 catenelle sottostanti e un punto alto sopra il punto alto.

feb 162011
 

COME SI TIENE L’UNCINETTO

L’uncinetto si può tenere in due modi:

– come fosse una penna, tenendo la parte piatta tra il pollice e l’indice

– come fosse un coltello, pollice e indice nella stessa posizione di prima.

COME SI TIENE IL FILO

In genere il filo viene avvolto intorno al mignolo e fatto passare tra il medio e l’indice. Bisogna prestare sempre la massima attenzione alla tensione del filo durante il lavoro, non deve essere nè troppo tirato nè troppo lasco.

COME SI INIZIA

Formare un anello con il filo

inserire l’uncinetto ed estrarre il filo collegato al gomitolo in modo da formare un’asola

tirare entrambi i capi del filo in modo da chiudere l’asola attorno all’uncinetto

COME FARE UNA CATENELLA

Si tiene l’uncinetto con la catenella d’inizio con la mano destra e il filo, appoggiato sull’indice con la mano sinistra. Far scivolate l’uncinetto sotto al filo da dietro a davanti ed estrarre una maglia. Continuare allo stesso modo fino ad ottenere il numero di maglie desiderate.

MAGLIA BASSISSIMA

Viene di solito usata per chiudere il giro nella lavorazione in tondo o per spostare l’uncinetto di una o più maglie: si inserisce l’uncinetto nella maglia, si getta il filo e lo si estrae attraversando tutte le maglie

MAGLIA BASSA

Partendo dalla catenella di base, puntare l’uncinetto nella seconda catenella, gettare il filo ed estrarre una maglia

gettare ancora il filo sull’uncinetto e farlo passare tra le due maglie.

MEZZA MAGLIA ALTA

Partendo dalla catenella di base, gettare il filo sull’uncinetto e puntarlo nella maglia

fare un gettato e un altro ancorai estraendo il filo attraverso le tre maglie che si sono formate.

MAGLIA ALTA

Partendo dalla catenella di base, gettare il filo sull’uncinetto e puntarlo alla base,

fare un altro gettato ed estrarre il filo attraverso le prime due maglie

gettare ancora il filo e chiudere.

MAGLIA ALTA DOPPIA

Partendo dalla catenella di base, gettare il filo 2 volte sull’uncinetto, puntare alla base, gettare, estrarre il filo e chiudere le maglie a due a due  fino a rimanere son una sola asola sull’uncinetto

MAGLIA ALTA TRIPLA, QUADRULPA, QUINTUPLA, SESTUPLA

Partendo dalla catenella di base, gettare il filo iniziale rispettivamente 3, 4, 5, 6 volte sull’uncinetto  e chiudere le maglie a due a due come sopra.